Divisa Altopianobike

Ecco la divisa 2013 di altopianobike e lo scaldacollo tubolare leggero da usare sia come scaldacollo che come sottocasco...Come potete vedere c'è solo il nostro marchio per poterla usare ovunque. Per chi fosse interessato è pregato di inviare una mail attraverso il modulo di contatto!

Con il Patricinio del..

Gallio, Val di Nos, Campomulo, Marcesina, Melette, Longara

Si parte dal centro di Gallio in direzione Asiago. Alla prima rotatoria si svolta a destra verso il colle del Gastagh e il maneggio Appaloosa, Continuando sulla strada principale, in lieve salita, alla fine dell'asfalto si inizia la strada della Val di Nos. Dopo circa 2 chilometri in lieve pendenza, quasi in falsopiano, si inizia a salire per quasi 4 chilometri con alcuni intervalli rappresentati da brevi pianori. Si giunge ad un bivio con 4 strade dal quale si prosegue dritti verso Malga Boscosecco. E possibile anche una variante girando a destra e, attraverso una salita dal fondo smosso, si giunge al bivio di Malga Fiaretta da dove, girando a destra, si raggiunge il Centro Fondo di Campomulo. Continuando la strada verso Malga Boscosecco e passando per alcuni tratti sassosi di difficile percorrenza, sia supera la Malga e si prosegue dritti fino alla località Campofilone. Da qui si svolta a destra verso Malga Fiara dopo la quale, al bivio, si svolta a sinistra verso Malga Mandrielle. Superata anche Malga Mandrielle si giunge al bivio per Marcesina. Svoltando a destra e percorrendo la discesa fino al termine si raggiunge un bivio dove, svoltando a destra, si arriva nei pressi di Malga Buson. 100 metri prima della malga si gira a destra e, tenendo sempre la destra sui due successivi bivi, fino a iniziare la salita della Confinaria, che all'inizio presenta pendenze considerevoli. Percorsa tutta la salita fino a sbucare a Campomuletto, si scende verso Campomulo e si imbocca la strada che porta verso Campocavallo, per circa 100 metri asfaltata. Una volta scollinati, si scende fino ad arrivare a un tornante sul quale si prosegue a destra per le malghe di Meletta, Lèmerle e Meletta Davanti.
Seguendo sempre la via principale fino a Malga Meletta Davanti, successivamente si sale leggermente su fondo erboso fino all'arrivo della seggiovia. A questo punto si scende con cautela attraverso le stradine che puntano a valle passando di fronte alla Balta Solaia, bar aperto anche d'inverno, e attraverso le piste da sci, sempre sulle stradine tracciate, facendo molta attenzione a eventuali reticolati di contenimento delle mucche. Arrivati alla baita posta alla base degli Impianti di risalita, si attraversa la strada asfaltata e si sale per la strada di fronte verso il Monte Longara.
Si arriva alla base dei ripetitori tv e, sulla sinistra, si prende un sentiero utilizzato come via d'esbosco. Qui inizia una discesa molto divertente e tecnica, da prendere con molta attenzione soprattutto se il fondo è umido. Si scende a questo punto verso Gallio girando a destra nel pressi di un recinto con cervi e mufloni e, quindi, sì segue la via principale su sassi fino alla località Costa di Gallio.

Altre Informazioni

  • Itinerario n°: 9
  • Partenza: Gallio, piazza della chiesa
  • Lunghezza: 38 Km
  • Dislivello: 900 mt
  • Difficoltà: difficile
  • Tempo: 4 h
  • Quota Max.: 1735 mt